la recherche · libreria · libri di lettura · recensione · recensioni 2019

serotonina di michel houellebecq

parigi come tutte le città era fatta per produrre solitudine


l’ideale sarebbe mantenere la serotonina a un livello corretto […] abbassando il cortisolo, magari aumentando un po’ la dopamina e le endorfine, così sarebbe perfetto. 

offerto e accolto come libro evento dell’anno. dopo 4 anni da sottomissione. dopo aver letto tutto quello che ha scritto e averlo amato. amato in vari periodi della mia esistenza, con maschi cui giravo intorno che erano usciti dalle sue pagine, tali e quali, senza parlare francese ma tali e quali. ai tempi i suoi erano i libri che regalavo di più proprio a quei maschi che non hanno mai avuto cervello sufficiente per capire che le pagine erano loro, per loro. probabilmente non li hanno neanche letti i miei regali. come peraltro io non ho letto i loro.


serotonina si legge, come si legge tutto di lui. il suo capolavoro non è questo. sono le particelle elementari ad essere indimenticabili come ogni novità che arriva e che ti trovi addosso senza poter dire niente o far qualcosa per impedirlo.

serotonina è l’autobiografia diluita di un parigino che non ha bisogno di lavorare grazie ad un’eredità, che ha tempo per flagellarsi, per pensare, per riempirsi di antidepressivi che hanno più pregi che controindicazioni. ha la fortuna di potersi ritirare in una solitudine/terra di nessuno dove tutto è concesso e dove riesce a trasformarsi in invisibile, scaltro e scafato osservatore o guardone. il sesso vario e variegato non dà niente di più alla narrazione. stava tutto in piedi già da solo, quasi che l’elemento che ha dato fastidio (ma era determinante) nei romanzi precedenti dovesse essere necessariamente inserito di forza come tratto e segno distintivo.

il libro si divide a metà, la seconda parte merita la lettura. il miglior personaggio non è il protagonista ma un suo amico dei tempi del liceo che sceglie di fare l’allevatore nella tenuta nobiliare del padre, nonostante la possibilità di una vita più semplice e comoda. affronta e soccombe, ma ci prova. miglior figura non protagonista il dottore.

lettura parallela al film il gioco delle coppie  (maledetti traduttori di titoli, era doubles vies) di olivier assayas. ho messo uno sopra l’altro houellbecq, lo scrittore del film e il protagonista del libro. il fortissimo sospetto che il nostro acidissimo houelly scriva della sua vita non riesco a togliermelo dalla testa. come non mi esce dalla testa che questo sia il libro che ha scritto più facilmente ritirando fuori i suoi cavalli di battaglia e rimanendo molto nel vago fino all’ultima pagina. libertà al lettore di chiudere da solo o continuare a pensare da solo.
lui è antisociale, evidentemente colto (o saccente), cinico e cattivo. lo sanno tutti e tutti devono continuare a crederlo. ma ci ride su.

l’animo romantico che si vede è lo stesso di quelli che hanno perso il grande amore della loro vita facendo una cazzata. e per la quasi totalità dei casi si scopre il grande amore solo quando lo si perde. sarò più cinica di lui.  

tutte le coppie hanno i loro piccoli riti, riti insignificanti, perfino un po’ ridicoli, di cui non parlano con nessuno.

e ciliegina ultima: non credo che rihanna avrebbe fatto sbarellare proust, a lui piacevano principesse.  

2 risposte a "serotonina di michel houellebecq"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...