diario · diario di viaggio · in viaggio con la zia

#didagoestotransilvania 4

per i romani era la dacia felix e i romani sapevano. mi son punta con le ortiche dopo più di 30 anni, ho attraversato una serra e poi un orto pieni di odori di verdura e foglie fresche, grande amore e grande lavoro appassionato. le chiese fortificate nascoste e deserte, si arriva fino alle campane con scalette ripide di legno che racconta sotto il nostro peso. ha vinto la curiosità vs la paura del vuoto. partito l’organo a silenziare ogni altra cosa. appena si accorgeranno della bellezza che c’è in OGNI paesello, finirà questa atmosfera di sorpresa continua con un filtro che ci fa sempre pensare alle nostre nonne: il latte e polenta su tutto. se trovate una stradella non asfaltata farete meglio a prenderla per aver quella sorpresa della scoperta (assicurata) che ormai è merce rara nei nostri viaggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...