diario · libreria · libri di lettura · recensione · recensioni 2020

don camillo di giovannino guareschi

87289123_10157266624033821_8188238227929300992_o

don camillo fa parte dei ricordi filmici della mia infanzia, insieme a frankenstein junior che però mi faceva ridere di più. quel gesù che parlava poco nel film, nelle pagine (che mai avrei pensato di leggere) parla sempre e mi ha fatta sorridere bonariamente, di un’ironia vecchio stampo, di un compagnuccio di scuola di quelli buoni e senza malizia. la politica morbida, quella di due schieramenti che vogliono fare la stessa cosa giusta, ma per strade diverse, fa sospirare per un’illusione politica binaria, felice e utopica. nelle biblioteche non si trova, è arrivato con un prestito interbibliotecario in una copia vecchia e scassata delle sansoni, collana “leggere a scuola” da una sezione ragazzi. alla fine ne ho acquistate due copie e regalate alla biblioteca del mio paesello a ridosso della bassa friulana e a quella dove lavora mia sorella, un po’ più in giù, verso il mare, se dev’essere un classico che sia presente in tutto il suo carattere. di guareschi e di don camillo ho foto a brescello e un ricordo gastronomico epico, di un ristorante storico a poche centinaia di metri dal po dove fanno il culatello. sul po ci sono poi andata a piedi, nel silenzio di una giornata che per quel fiume era placida, a vedere i danni che aveva fatto qualche mese prima, i pioppi sradicati, il pericolo che solo ho potuto immaginare. dopo i tortelli alla zucca con gli amaretti, la matrona seduta immobile alla cassa, mi ha raccontato di anna falchi che è passata di lì per un film, della principessa margareth che per anni era passata da lei per i miei stessi tortelli e di guareschi che nella camera al piano di sopra si era rifugiato per scrivere proprio don camillo. alla fine l’ho letto tutto e mi è piaciuto: una vita dura di un’epoca fa, di valori immensi e assoluti, di rispetto perso adesso per cose e soprattutto persone. non sono riuscita neanche per una pagina a staccare le lettura dalla dittatura delle immagini. #ladonnadelladomenicalegge

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...